Attualmente laureando magistrale in relazioni internazionali presso l’Università La Sapienza. Il percorso di studi interpreso  permette di studiare in modo approfondito le dinamiche geopolitiche e culturali di un contesto di mio primario interesse: l’Europa centrale e orientale. Oggetto di tali studi non è soltanto il mondo russo, ma anche la Mitteleuropa e soprattutto la regione balcanica, già al centro di una recente collaborazione con l’associazione Tab Risk. In tale contesto, l’attuale impegno si riversa, tra l’altro, nell’apprendimento della lingua serbo-croata, oltre che delle basi della lingua russa. Non cessa di sussistere, comunque, l’attenzione per le vicende del continente europeo nel suo complesso e in particolare per i fatti concernenti l’integrazione europea. In questo senso, sono attualmente impegnato in una collaborazione con il sito Labeuropa.eu.

Tra il 2012-2015, nel corso degli studi in scienze politiche e relazioni internazionali presso Università degli Studi di Cagliari, ha sviluppato in primo luogo l’interesse per l’economia. Ciò si è tradotto, tra l’altro, in un lavoro di ricerca riguardante la crisi attraversata dall’area euro nel corso dei primi anni del decennio. La tesi di laurea, dal titolo, “La crisi dell’eurozona: il ruolo degli squilibri strutturali”, è stata elaborata ponendo al centro dell’indagine l’andamento dei saldi delle partite correnti dei Paesi utilizzanti la moneta unica. In questo modo è stato possibile mostrare come, se una prima fase sia stata caratterizzata da un flusso di capitali dai Paesi “core” dell’eurozona verso quelli periferici dell’area mediterranea, in corrispondenza della crisi dei debiti sovrani del periodo 2010-12 si sia verificato non soltanto un “sudden-stop” di tali flussi, ma anche una loro inversione, rendendo particolarmente difficile la posizione dei Paesi periferici. Durante il periodo di studi presso l’Università di Cagliari haottenuto varie borse di studio conferite dalla Regione Sardegna agli studenti meritevoli.

Parla la lingua inglese (B1) e la lingua francese (B1).

Ultimi contributi: